Glucosammina e Condroitina per la prevenzione dell’artrosi e nella cura dell’artrite

Print Friendly, PDF & Email

3D human man anatomy with articular pain

Problemi articolari sono molto frequenti nel mondo delle palestre, nel bodybuilding sono principalemnte legati al dooping e nel fitness e nelle arti marziali in generale, quando ci si allena in modo scorretto, troppo intenso o per dinamiche genetiche.
Le cause possono in realtà essere molteplici e dietro la parola scorretto vi è un mondo.
Di particolare interesse l’utilizzo di condroitina e glucosamina per il preservamento delle articolazioni e la prevenzione delle infiammazioni.

Le articolazioni
Le articolazioni sono la parte mobile dell’apparato muscolo scheletrico, generalmente distinte da una testa che si adagia su una glena per permettere il movimento della stessa.
Essendo la parte mobile dell’apparato scheletrico sono le più soggette ad usura ed infortuni.
Sono costituite inoltre da legamenti, tendini, cartilagini e menischi.
Questi ultimi impediscono che segmenti ossei che confluiscono nell’articolazione, striscino gli uni sugli altri consumandosi e portando a infiammazioni croniche come l’artrite o usure come l’artrosi.
In particolare hanno la funzione di cuscinetti ammortizzanti, coadiuvati dal liquido sinoviale, che fluidifica le articolazioni in cui ne sono immerse.
Per mantenere sane le articolazioni, occorre perseguire la strada del riscaldamento prima di ogni allenamento, questo deve essere funzionale al fluidificare il liquido sinoviale all’interno dell’articolazione, ossigenare la stessa e preparare i tendini e legamenti ai movimenti richiesti dall’allenamento vero e proprio ed i muscoli a sostenere queste ultime strutture.
Differentemente dai muscoli, che per allenarsi hanno bisogno di stimoli che ne favoriscano la ricostruzione, per tendini, legamenti ed articolazioni occorrono movimenti di compressione e distensione che favoriscano l’ossigenazione di queste strutture.
Attività come lo yoga, il nuoto, la bicicletta, il pilates vanno tutte nella direzione giusta e consentono di prevenire dolori ed infiammazioni.

Artrite vs artrosi
Quando le cartilagini si consumano, generalmente a causa dell’utilizzo, dell’età, della postura scorretta, i segmenti ossei si avvicinano e sfregando tra di loro, tendono a consumarsi e a provocare dolore e nei casi estremi all’immobilizzazione dell’articolazione.
L’artrite è un’infiammazione acuta dell’articolazione dovuta a diverse cause, che può cronicizzare con il tempo, e può assere curata a seconda dei casi anche con interventi chirurgici di ricostruzione dell’articolazione tramite innesti in titanio.
L’artrosi invece è una malattia cronica autoimmune che colpisce le articolazioni e di cui non si conoscono le cause precise, consiste in una graduale degenerazione del tessuto osseo in prossimità delle articolazioni stesse.

Condroitina e glucosammina
Negli ultimi tempi si sono studiate diverse combinazioni ed utilizzo di queste due sostanze per la cura e prevenzione ed anche la riduzione del dolore nei casi di patologie più o meno croniche.
La glucosammina è la componente principale che si può trovare nel guscio di alcuni crostacei, ed è uno dei principali precursori delle proteine glicosilate, come il liquido sinoviale ed il collagene di cui ne è composto.
La condroitina è una molecola che si trova nelle cartilagini e della stessa famiglia dell’acido ialuronico, ha la caratteristica di attrarre molecole di acqua e quindi ha tra le sue funzioni, quella di idratare i tessuti.
L’utilizzo di queste due proteine in modo congiunto, pare possa prevenire danni alle articolazioni e alleviare il dolore nei casi vi siano delle infiammazioni già in corso.
Il condizionale è d’obbligo come per tutti gli integratori.
Le dosi utili pare siano inoltre molto superiori a quelle consigliate solitamente dai fogli illustrativi dei prodotti, ed essendo costituiti da molecole legate a catene di zuccheri, non se ne consiglia l’utilizzo a chi soffre di diabete, sindrome metabolica od ha problemi nell’assunzione degli zuccheri.
Spesso ne viene consigliata l’assunzione con Metilsulfonilmetano (MSM), una molecola che fornisce zolfo in modo altamente biodisponibile per l’assunzione nell’organismoi.
La dose di condroitina efficace è di 1200 mg al giorno, quella di glucosammina 1550 mg, mentre quella di MSM sempre 1500.
Al di sotto di queste dosi si ha sicuramente un effetto placebo ma niente di più.
Ingredienti di ottima qualità presentano una purezza intorno al 95%, quindi occorre aumentare leggermente la dose anche in funzione di questo.
Le elevate dosi possono inoltre portare a problemi gastrointestinali, nausee e male al ventre in soggetti predisposti.
Con l’interruzione dell’assunzione i problemi scompaiono.
Le pubblicazioni scientifiche non mancano, anche se le statistiche sono un po’ scarse, la maggiorparte delle pubblicazioni riguardano il trattamento del ginocchio, una delle articolazioni che crea maggiori problemi per la sua collocazione nel corpo e la sua funzione, dovendo permettere la deambulazione dell’individuo.

Riferimenti
Bohmer D, Ambrus P, Szogy A, and G. Haralambie. A Treatment of chrondropathia patellae in young athletes with glucosamine sulfate. Current Topics in Sports Medicine, Vienna, Austria: Urban & Schwarzenberg, 1984:799-803.

Braham, R. The effect of glucosamine supplementation on people experiencing regular knee pain. Br J Sports Med 2003;37:45-49.

Bruyee, O. et al. Correlation between radiographic severity on knee osteoarthritis and future disease progression. Results from a 3-year prospective, placebo-controlled study evaluating the effect of glucosamine sulfate. Osteoarthritis Cartilage 2003 jan;11(1):1-5.

Burger, Martin et al. Observations of the influence of chondroitin sulphate on the rate of bone repair. The Journal of Bone and Joint Surgery 1962; 44B(3):674-687.

Burke E. Nutrients that accelerate healing. Strength and Conditioning 1997:19-23.

Crolle, G et al. Glucosamine sulphate for the management of arthrosis: a controlled clinical investigation. Curr. Med Res. Opin 1980; 7(2):104-109.

D’Ambrosio E. Glucosamine sulphate: a controlled clinical investigation in arthrosis. Pharmatherapeutica 1981; 2(8):504-508.

Das A Jr, Hammad TA. Efficacy of a combination of FCHG49 glucosamine hydrochloride, TRH122 low molecular weight sodium chondroitin sulfate and manganese ascorbate in the management of knee osteoarthritis. Osteoarthritis Cartilage. 2000 Sep;8(5):343-50.

Delafuente JC. Glucosamine in the treatment of osteoarthritis. Rheum Dis Clin North Am 2000;26(1): 1-11.

Drovanni A. Therapeutic activity of oral glucosamine sulfate in osteoarthrosis: a placebo-controlled double-blind investigation. Clinical Therapy 1980:260-272.

Gottlieb MS. Conservative management of spinal osteoarthritis with glucosamine sulfate and chiropractic treatment. J Manipulative Ther 1997; 20(6):400-414.

Kayne SB et al. Is glucosamine an effective treatment for osteoarthritis? A meta-analysis. The Pharmaceutical Journal 2000;265:750-763.

Kelly GS. The role of glucosamine sulfate and chondroitin sulfates in the treatment of degenerative joint disease. Altern Med Rev 1998;3(1): 27-39.

Leffler CT, Philippi AF, Leffler SG, Mosure JC, Kim PD. Glucosamine, chondroitin, and manganese ascorbate for degenerative joint disease of the knee or low back: a randomized, double-blind, placebo-controlled pilot study. Mil Med. 1999 Feb;164(2):85-91.

Lippiello L, Woodward J, Karpman R, Hammad TA. In vivo chondroprotection and metabolic synergy of glucosamine and chondroitin sulfate. Clin Orthop. 2000 Dec;(381):229-40.

Lippiello L. Glucosamine and chondroitin sulfate: biological response modifiers of chondrocytes under simulated conditions of joint stress. Osteoarthritis Cartilage. 2003 May;11(5):335-42.

Mazieres B et al. Chondroitin sulfate in osteoarthritis of the knee: A prospective, double blind, placebo controlled multicenter clinical study. Journal of Rheumatology 2001;28:173-81.

McAlindon TE, MP La Valley, JP Gulin and DT Felson. “Glucosamine and chondroitin for treatment of osteoarthritis: a systematic quality assessment and meta-analysis,” JAMA 2000; 283(11):1469-1475.

McCarty M. Glucosamine for wound healing. Med Hypotheses 1996;47:273-5.

Moss M. The effect of chondroitin sulfate on bone healing. Georgetown University School of Dentistry 1965; 20(6):795-801.

Murad H. and Tabibian M. P., The effect of an oral supplement containing glucosamine, amino acids, minerals, and antioxidants on cutaneous aging: a preliminary study. J Dermatolog Treat 2001 Mar;12(1)47-51.

Pujalte J et al. Double-blind clinical evaluation of oral glucosamine sulphate in the basic treatment of osteoarthrosis. Curr. Med. Res. Opin 1980; 7(2):110-114.

Qiu, G. X., et al. Efficacy and safety of glucosamine sulfate versus ibuprofen in patients with knee osteoarthritis. Arzneimittelforschung 1998 May;48(5):469-474.

Reginster J. Effects of glucosamine sulphate on osteoarthritis progression: a randomized, placebo-controlled clinical trial. Lancet 2001; 357(9252):251-256.

Rindone J, Hiller D, Collacott E, et al. Randomized, controlled trials of glucosamine for treating osteoarthritis of the knee. West J Med 2000;172:91-4.

Ronca, L., et al. Anti-inflammatory activity of chondroitin sulfate. Osteoarthritis and Cartilage 1998; 6 Supp:14-21.

Setnikar I et al. Antiarthritic effects of glucosamine sulfate studied in animal models, Arzmelm-Forch/Drug Res 1991; 41(5):541-545.

Uebelhard, D., et al. Effects of oral chondroitin sulfate on the progression of knee osteoarthritis: a pilot study. Osteoarthritis Cartilage 1998 May;6 Suppl A:39-46.

Vajaradul Y. Double-blind clinical evaluation of intra-articular glucosamine in outpatients with gonarthrosis. Clinical Therapy 1981:336-342.

van Blitterswijk WJ, van de Nes JC, Wuisman PI. Glucosamine and chondroitin sulfate supplementation to treat symptomatic disc degeneration: biochemical rationale and case report. BMC Complement Altern Med. 2003 Jun 10;3(1):2.

Vaz AL. Double-blind clinical evaluation of the relative efficacy of ibuprofen and glucosamine sulphate in the management of osteoarthrosis of the knee in out-patients. Curr. Med. Res. Opin 1982; 8(3):145-149.

Lascia un commento

Chiudi il menu
×
×

Carrello

Close Panel